La Stessa Direzione

Regista:

Peter Ranalli

---

Locandina:

Sezione:

Documentario

Sinossi:

Un coro formato da genitori organizza un concerto di natale mettendo insieme i bambini delle scuole medie del quartiere San Donato di Pescara e un gruppo di detenuti. L'esperienza viene rivissuta attraverso il racconto dei partecipanti, in particolare i detenuti. La musica è il motore che muove e unisce sia i bambini che i genitori, impegnandoli quotidianamente nella preparazione dell'atteso concerto. Contemporaneamente la vita quotidiana dei detenuti è scandita dal lavoro, unica via di uscita da una condizione di sofferenza. La mattina del giorno del concerto vengono effettuate le prove e per la prima volta tutti suonano insieme. Il concerto è un momento di gioia ma allo stesso tempo di riflessione sugli errori umani.

Screens:

Trailer:

Biografia:

Nel 2004 consegue il diploma in “Esperto Mass Media e Comunicazione Audiovisiva” presso l’Accademia Internazionale per le Arti e le Scienze dell’Immagine de L’Aquila. Nel 2009 diventa dottore in “Storia, Scienze e Tecniche della Musica e dello Spettacolo” presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma-Tor Vergata. Dal 2005 scrive, dirige e produce spot e documentari, molti dei quali sono stati presentati nell’ambito di concorsi nazionali e internazionali. Inizia la sua professione realizzando una serie di coraggiosi film documentari girati in Repubblica Dominicana e Haiti, raccontando le particolari realtà delle saline e dei tagliatori di canna da zucchero. Successivamente si dedica a tre documentari ambientati nella sua regione, l’Abruzzo, in collaborazione con Gianfranco Pannone, proiettati alla Festa Internazionale del Cinema di Roma e al Sulmona Cinema. Nelle sue ricerche un posto preminente lo occupano tematiche sociali, culturali e ambientali. Recita un ruolo importante nella sua filmografia il tema del ciclismo urbano e sociale come testimoniano il film “Speed of life” (2010) e “Bike4truce. La bici come strumento di tregua” (2015) prodotto dalla Fondazione Olos Multimedia. Al passo con i nuovi linguaggi massmediali, il web diventa il principale luogo e strumento di lavoro, così crea un'agenzia di video comunicazione in cui convergono più figure professionali capaci di fornire servizi ad ampio raggio.